e

La colpa al capitalismo

Festival Risveglio di Periferia

19

Giugno

Sinossi

Dopo il romanzo in prosa Le vite potenziali (2018), Francesco Targhetta torna alla poesia con la sua prima raccolta di versi dopo Fiaschi (2009). Alternando testi brevi e poemetti narrativi, La colpa al capitalismo affonda sui temi della solitudine, dell’individualismo, del disagio psichico, dell’alienazione digitale, indagando, tra hikikomori, ottimizzatori, emarginati, tropicalizzatori, automobilisti aggressivi e provinciali timidi, le nuove contraddizioni che estenuano il mondo occidentale di oggi. Ne esce una galleria di vivi a metà, proiezioni e nemesi dell’autore, che affollano una raccolta poetica priva di “io” e tutta proiettata nell’abisso contemporaneo. «Data la colpa al capitalismo / a rimanere è un vuoto immenso».
La colonna sonora di Freddie Murphy e Chiara Lee (ex Father Murphy), già al lavoro con Targhetta su Le vite potenziali e Perciò veniamo bene nelle fotografie, sostiene gli stessi suoni e respiri dei versi, aprendone un’ulteriore dimensione, tra rabbia rappresa e spaesamento urbano, che non può che penetrare in profondità.

Altre informazioni

Ore 9:30 pm - 11:00 pm
In scena presso BAU@Barrio's
Piazza Donne Partigiane, Milano
Invita i tuoi amici a vederlo con te:
FacebookWhatsAppMessengerTwitterTelegramEmailCopy Link

I tuoi Applausi per questo spettacolo

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 Applausi

Voto medio 0 / 5. Non ci sono ancora applausi

Registrati gratuitamente per votare questo spettacolo
Lascia un commento: