e

Abracadabra – incantesimi di Mario Mieli [#studio4]: il Regno della Libertà

06

Maggio

Sinossi

Mario Mieli fu filosofo, poeta, attivista e attore, morto suicida a trent’anni nel 1983. Un personaggio scomodo e dimenticato in Italia, quasi rimosso, ma studiato nelle università di Francia, Germania e Stati Uniti per i suoi rivoluzionari scritti che anticipano di quarant’anni gli studi sull’identità di genere e la sessualità.
Con Abracadabra va in scena il pensiero rivoluzionario di Mario Mieli che ha indagato il difficile rapporto con la femminilità, propria di ogni essere umano, con l'identità di genere e con il desiderio represso.
Per capire la densità e complessità di Mieli, Irene Serini si è fatta carico di un lavoro di ricostruzione storica incontrando i suoi amici, famigliari, colleghi, ricercando i testi non editi che hanno segnato il suo percorso di pensatore e personaggio fuori da ogni schema. Tutto il percorso è suddiviso in diversi studi, ognuno dei quali permette di affrontare tematiche, pensieri, intimità diversi.
Abracadabra Teatro dell’Elfo sarà l’occasione per celebrare il settantesimo anniversario della nascita di Mieli (nato a Milano il 21 maggio 1952).
Nel quarto studio di Abracadabra si cambia geometria. Passiamo dal cerchio al triangolo, dalla rivoluzione all’analisi, dal monologo al dialogo. Dall’empatia di un discorso sul genere che indaga l’intimità di ognuno di noi proposta nel terzo studio, alla difficoltà di analizzare un discorso di genere scoprendone i legami con la politica e l’economia presente.

Altre informazioni

Luci e suono Caterina Simonelli
Animazioni video Anna Resmini
Segno e locandina Christian Tubito
Organizzazione e produzione Maurizio Guagnetti e Compagnia IF Prana con il sostegno di residenza artistica Olinda

Durata: 1 ora

Invita i tuoi amici a vederlo con te:
FacebookWhatsAppMessengerTwitterTelegramEmailCopy Link

I tuoi Applausi per questo spettacolo

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 Applausi

Voto medio 0 / 5. Non ci sono ancora applausi

Registrati gratuitamente per votare questo spettacolo
Lascia un commento: